La sindrome dei compleanni III: il verdetto finale

Alla fine ce l’ho fatta. Sono sopravvissuta alla sua prima festa di compleanno. Certo dovevo prevedere un tavolo piu’ grande, perchè i pranzi a buffet funzionano solo negli eventi della Milano da bere (e mio padre, non sapeva come mangiare i pomodori ripieni), magari ridimensionare le portate e frenare mia madre che è arrivata con 4 tipi diversi di antipasti (doveva presentarsi solo con una insalata). Ma i palloncini erano bellissimi, e la piscinetta è stata la gioia piu’ grande di Bang Bang insieme a questa:

P1000920

Dopo studi, consultazioni, pareri dagli esperti, ecco la ricetta miracolo della Torta ai Lamponi Soffice e non Stopposa

TORTA AI LAMPONI SOFFICE E NON STOPPOSA

100 g di farina

1 bustina di lievito

3 uova

100 g di zucchero

1 bicchiere di latte

60 g di burro

300 g di ricotta

scorza di limone

300 g di lamponi freschi

Procedimento: Riscaldate il forno a 180 gradi ( questo lo dicono sempre a fine ricetta quando è troppo tardi). Mettete in una tazza farina e lievito e lasciateli lì. Prendete un recipiente piu’ grande e sbattete le uova con lo zucchero. Unite il burro ( fuso…fondete il burro, perchè se lo mettete morbido è un macello), poi il latte, poi la ricotta. Date una bella grattata di limone. Unite farina e lievito ( meglio con un setaccino piano piano…il grumo é sempre in agguato). Versate tutto il composto in uno stampo a cerniera precedentemente imburrato. Spargete il Lamponi in modo piu’ o meno coreografico. Mettete nel forno preriscaldato (visto che serve scriverlo prima?) per 35 minuti.

Et voila’ La Torta ai Lamponi Soffice e non Stopposa è pronta.

Bang Bang ha detto “aaaahhh maaaaah amhhhh” che nella sua lingua significa sicuramente “Mamma…sei una superfiga, questa torta è buonissima, per favore fammela ad ogni compleanno. Non trovero’ mai nessuna donna al mondo in grado di fare una “Torta ai Lamponi Soffice e non Stopposa”…visto che io lascio la ricetta al mio blog significa proprio che non temo la concorrenza…tsé

Annunci

Un pensiero su “La sindrome dei compleanni III: il verdetto finale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...